Presentazione del corso

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE_1 - Copia.jpg

La Scienza ed in particolare la Chimica hanno un ruolo determinante nel processo di sviluppo scientifico-tecnologico ed economico-sociale di un paese. In particolare, la chimica industriale è fondamentale  per disporre di nuove forme di energia e di nuovi materiali con migliori prestazioni, per soddisfare la crescente necessità di cibo del pianeta, per promuovere l’innovazione in tutti i settori produttivi, in breve, per garantire una migliore qualità della vita.

Il corso di Studio in Chimica Industriale ha l'obiettivo di formare un laureato che abbia una adeguata conoscenza delle discipline chimiche, padronanza dei metodi e contenuti scientifici generali e specifiche conoscenze professionalizzanti nel campo della chimica industriale. Il laureato possiederà una formazione scientifica e tecnica adeguata sia ad un immediato inserimento nel mondo del lavoro, sia all’accesso alle lauree di secondo livello di indirizzo Chimico.

Le attività formative prevedono corsi di base (matematica e fisica) e corsi caratterizzanti di chimica e chimica industriale, con specifiche attività professionalizzanti spendibili in settori produttivi e di ricerca, ove è richiesta una conoscenza delle proprietà dei prodotti, dei materiali e dei processi.

In particolare vengono fornite:

  • solida preparazione di base nelle discipline matematiche e fisiche;
  • conoscenze di base della chimica generale ed inorganica, organica, fisica, analitica, e biologica;
  • conoscenze dei fondamenti della chimica industriale, delle connessioni prodotto-processo e dello sviluppo chimico sostenibile e compatibile con l'ambiente;
  • conoscenze di carattere chimico e tecnologico delle reazioni e dei processi, con particolare riguardo agli aspetti impiantistici, di sicurezza, energetici, ambientali, economici e di qualità;
  • conoscenze di base relative alla scienza dei polimeri, sulla loro struttura, ai meccanismi di sintesi ed ai processi di produzione;
  • conoscenze di base relative ai processi catalitici, alla produzione di energia e ai processi petrolchimici;
  • conoscenze e competenze per trasferire una reazione chimica dalla scala di laboratorio a quella dell'impianto di produzione;
  • conoscenze sulle proprietà dei prodotti e dei materiali e sulle loro applicazioni industriali e/o commerciali;
  • conoscenze ed esperienze approfondite di metodiche sperimentali e strumentali di laboratorio;

Per raggiungere gli obiettivi formativi, l'ordinamento didattico prevede attività formative di base, prevalentemente svolte nel primo anno, con corsi di matematica, fisica, chimica generale, chimica organica, chimica fisica ed inglese, la cui conoscenza è propedeutica ai successivi insegnamenti professionalizzanti di discipline chimico-industriali con attenzione agli aspetti tecnologico-applicativi. É prevista inoltre una intensa attività di laboratorio, visite di studio presso industrie del settore chimico operanti nel territorio ed attività seminariali tenute da rappresentanti del mondo dell’industria e della libera professione.

Il corso di studi ha la durata di tre anni. L'attività didattica è organizzata annualmente in due semestri. Il conseguimento del titolo avviene con l'acquisizione di 180 CFU (credito formativo universitario). I CFU vengono acquisiti con il superamento degli esami corrispondenti. Un CFU corrisponde a 25 ore di studio complessivo dello studente. Di esse, 1 CFU di lezione equivale a 7 ore, 1 CFU di esercitazioni o di attività in laboratorio a 12 ore. La verifica dell'apprendimento è basata su esami orali che possono essere preceduti da prove scritte, pratiche e/o orali svolte anche in itinere. Nella prova finale viene valutata la capacità dello studente di esporre e discutere con chiarezza e padronanza i risultati di un progetto di interesse chimico.