Annalinda CONTINO

Professore associato di CHIMICA ANALITICA [CHIM/01]
Ufficio: V.le A. Doria 6, 95125 Catania. Edificio 1 corpo B piano 1 Stanza 25 (B1/25)
Email: acontino@unict.it
Telefono: +39 095 738 5150


Annalinda Contino si è laureata in Chimica nel 1986 con 110/100 e lode e ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Scienze Chimiche nel 1992 presso l’Università degli Studi di Catania. Nel 1996 ha vinto il concorso per un posto di ricercatore in Chimica Analitica (Settore Scientifico Disciplinare CHIM/01) e dal 2001 è Professore Associato di Chimica Analitica presso il Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Catania.

Ha svolto con continuità attività didattica nel suo Settore Scientifico Disciplinare, tenendo diversi insegnamenti all'interno del Corso di Laurea in Chimica e in Chimica Industriale e per i Corsi di Laurea in Scienze Ambientali e in Scienze Ecologiche ed Educazione Ambientale. Dall’anno accademico 2010-2011 è titolare del corso di Chimica Analitica I e Laboratorio per il Corso di Laurea in Chimica Industriale.

 

Pubblicazioni di Annalinda Contino negli ultimi 5 anni (ORCID: https://orcid.org/0000-0003-2443-9352)

 

V. Cucinotta, M. Messina, A. Contino, G. Maccarrone, S. Orlandini, A. Giuffrida

Chiral Separation of Terbutaline and Non-Steroidal Anti-Inflammatory Drugs by using a New Lysine - Bridged Hemispherodextrin in Capillary Electrophoresis

J. Pharmaceut. Biomed., 145 (2017) 734–741.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. Zimbone, M. Seggio, P. Musumeci, A. Giuffrida, L. Calcagno

Synthesis and characterization of new tyrosine capped anisotropic silver nanoparticles and their exploitation for the selective determination of iodide ions

Colloid Surface A, 529 (2017) 128-136.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. E. Fragalà, L. Spitaleri, A. Gulino

Conjugated Gold-Porphyrin Monolayers Assembled on Inorganic Surfaces.

Chem. Eur. J., 23 (2017) 14937 – 14943.

 

M. Schiliro, A. Contino, S. Millesi, G. Maccarrone, A. Gulino

Communication between Discrete Nanostructures Triggered by Fine Tuning of an External Stimulus

Chem. Eur. J., 22 (2016) 13083-13088.

 

M. Zimbone, P. Musumeci, A. Contino, G. Maccarrone, L. Calcagno

DNA-triggered asymmetric ZnO nanoparticles

Colloid Surface A, 489 (2016) 336-342.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. Zimbone, R. Reitano, P. Musumeci, L. Calcagno, I. P. Oliveri,

Tyrosine capped silver nanoparticles: A new fluorescent sensor for the quantitative determination of copper(II) and cobalt(II) ions

J. Colloid Interf. Sci., 462 (2016) 216-222.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. Zimbone, P. Musumeci, L. Calcagno, S. Pannitteri

Fine tuning the pH triggers the enantiorecognition of underivatized amino acids by silver nanoparticles: A novel approach based on the focused use of solution equilibria

J. Colloid Interf. Sci., 443 (2015) 30-35.

 

A. Giuffrida, G. Maccarrone, V. Cucinotta, S. Orlandini, A. Contino

Recent advances in chiral separation of amino acids using capillary electromigration techniques

J. Chromatogr. A, 1363 (2014) 41-50.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. Zimbone, P. Musumeci, A. Giuffrida, L. Calcagno

The pivotal role of copper(II) in the enantiorecognition of tryptophan and histidine by gold nanoparticles

Anal. Bioanal. Chem., 406, (2014) 481-491.

 

M. Zimbone, P. Baeri, L. Calcagno, P. Musumeci, A. Contino, M. L. Barcellona, G. Bonaventura

Dynamic Light Scattering on Bioconjugated Laser Generated Gold Nanoparticles

Plos One, 9 (2014) e89048.

 

A. Giuffrida, M. Messina, A. Contino, V. Cucinotta

Optimisation methodology in the chiral and achiral separation in electrokinetic chromatography in the case of a multicomponent sample of dansyl amino acids

J. Pharmaceut. Biomed., 85 (2013) 55-60.

 

A. Contino, G. Maccarrone, M. Remelli

Exploiting thermodynamic data to optimize the enantioseparation of underivatized amino acids in ligand exchange capillary electrophoresis

Anal. Bioanal. Chem., 405 (2013) 951-959.

Insegnamenti tenuti presso altri dipartimenti

Annalinda Contino ha svolto con continuità attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Catania, avvalendosi anche di prestigiose collaborazioni nazionali ed internazionali.

È autrice di oltre 50 pubblicazioni scientifiche su riviste ISI, nonché di tre capitoli su libri di interesse didattico. Ha condotto vaste ed approfondite ricerche in molti campi della Chimica Analitica, occupandosi principalmente di equilibri in soluzione e di tecniche di separazione.

Nella sua attività di ricerca rivolta allo studio della complessoformazione fra diversi ioni metallici e biomolecole, quali dinucleotidi, DNA, porfirine, amminoacidi e calixareni opportunamente funzionalizzati si è avvalsa di un approccio combinato spettroscopico e termodinamico, che ha consentito l’individuazione delle specie principali presenti in soluzione e, in molti casi, dei siti dei leganti coinvolti nella coordinazione dei cationi metallici e delle forze guida coinvolte nelle interazioni host-guest.

Sfruttando tali competenze, ha messo a punto un metodo per la progettazione, la sintesi e la caratterizzazione di nuovi recettori per metodi di separazione a sempre maggiore efficienza nell’ambito della Molecular Recognition Technology. Questi studi hanno inoltre consentito l’ottenimento di diversi recettori altamente selettivi per il riconoscimento di cationi di metallici ad elevato impatto ambientale e la realizzazione di una fase stazionaria estremamente efficiente da impiegare in cromatografia.

Dal 2008 si occupa della separazione chirale di analiti di origine biologica con tecniche di elettromigrazione e in particolare mediante la Ligand Exchange Capillary Electrophoresis (LECE). L’ifenazione di questa tecnica con la spettrometria di massa, ha consentito di realizzare una strumentazione altamente innovativa in grado di effettuare separazioni chirali di amminoacidi non modificati con elevate risoluzioni. La consolidata esperienza nel campo degli equilibri in soluzione ha permesso di utilizzare un approccio analitico di alto rigore metodologico nella progettazione degli esperimenti, e di ottenere una comprensione profonda dei fenomeni coinvolti nei meccanismi di discriminazione chirale a livello molecolare in LECE, rendendo possibile l’ottimizzazione delle separazioni.

Le competenze acquisite nell’ambito degli Equilibri in Soluzione hanno consentito un nuovo approccio per la Progettazione, la Sintesi e l’utilizzo in ambito analitico di Nanoparticelle metalliche, nonché per lo studio di porfirine ancorate su supporti solidi.